GAStronomi Niguarda - Gruppo Acquisto Solidale

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

GAStronomi Niguarda - Gruppo Acquisto Solidale

cherry"Gruppi di Acquisto Solidali (G.A.S.) nascono da una riflessione sulla necessità di un cambiamento profondo del nostro stile di vita. Come tutte le esperienze di consumo critico, anche questa vuole immettere una «domanda di eticità» nel mercato, per indirizzarlo verso un'economia che metta al centro le persone e le relazioni." Questo e quello che si può leggere nellapears homepage della Rete nazionale dei collegamento dei GAS.

Noi molto più semplicemente siamo un gruppo di amici, attenti alla qualità, al portafoglio, ma soprattutto consapevoli che il buon cibo è una componente importante per il benessere della persona e dell'ambiente se preparato, coltivato o allevato nel rispetto dell'ambiente. In tre aggettivi: buono, pulito e giusto.

Questo sito ha lo scopo di favorire la comunicazione tra i componenti del gruppo, di organizzare i nostri acquisti ed approfondire il più possibile la conoscenza su ciò che acquistiamo.

A volte è difficile fare la scelta giusta perché o sei roso dai morsi della coscienza o da quelli della fame. (Totò)

 

Toccata e Fuga a "Fa' la cosa giusta"

E-mail Stampa PDF

17 marzo la primavera non arriva, anzi fa ancora un discreto freddo, e Luca, che è scaltro come una faina, mi propone, per scaldarci, un giro in Fiera Milano City a visitare “Fa' la cosa giusta!” fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili.

Ottimo, penso io. In fiera si entra sempre bardati come Peppino e Totò alla stazione di Milano, e dopo un solo quarto d’ora che giri per gli stand, cominci a far conoscenza dell’iperidrosi. Luca, da buon geometra, suda poco, o quasi nulla, io sudavo direttamente Cerasuolo… Reminescenza di una bottiglia di vino rosato del Rasicci, “evaporata” la sera precedente.

Arriviamo in fiera prelevando la nostra amica del Gas, Lella, che ci ha fatto un allegra compagnia per tutta la mattinata.

Siamo fortunati, entriamo gratis; biglietti offerti gentilmente dal Consorzio Val Taro. Già questa cosa ci mette di  buon umore e rende il nostro portafoglio “eco sostenibile”.

Dentro invece spendiamo come degli arabi, ed i prezzi effettivamente sono di “uno stile di vita poco sostenibile”.

Il primo prezzo che chiedo è per una camicia di canapa, 130€!!! Ho un leggero mancamento, il venditore allo stand se ne accorge e tenta di condirmela raccontandomi delle “cuciture a mano” e bottoni di “ulivo”. Luca mi sorregge e mi porta via. Andiamo a vedere le scarpe, esorta.


Leggi 6 Commenti... >>
Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Aprile 2013 10:11 Leggi tutto...
 

Colletta alimentare per i terremotati. La top ten delle scuse

E-mail Stampa PDF

Sabato 29 settembre alla Coop di Niguarda; colletta alimentare per i terremotati dell’Emilia.
Le scuse più esilaranti alla richiesta dei volontari:
Buongiorno stiamo facendo una colletta di prodotti per i terremotati dell’Emilia. Se vuole contribuire…

10 Ho già contribuito ieri
9 Non sono pratico di queste cose
8 Sono entrata per cercare mia figlia
7 Ho già contribuito all’Esselunga
6 (schivata la prima volontaria e fermata dalla seconda) Ho già parlato con la sua collega
5 (Nonna indicando i nipoti al seguito) I terremotati li ho in casa, eccoli qui uno e due
4 Nò! Sono entrato, ma esco subito
3 Sono entrato solo per comprare le banane
2 Sono di fretta, non so se faccio in tempo.

Al primo posto, vincitore del premio Fregoli della giuria, il signore che ha detto:
Ho già contribuito prima, è che lei non mi riconosce perchè sono andato a tagliarmi i capelli


Leggi 0 Commenti... >>
Ultimo aggiornamento Lunedì 01 Ottobre 2012 11:27
 

Caseificio Di Benedetto - Mozzarelle di bufala

E-mail Stampa PDF

Ecco la descrizione del piccolo caseificio che ci fornisce le mozzarelle di bufala fatta direttamente da Antonio Di Benedetto.

La_cottura

Siamo una piccola azienda a carattere familiare. Siamo in otto: quattro miei zii, due cugini e mio fratello, ho ereditato il tutto da mio padre,che purtroppo e venuto a mancare 5 anni fà.
Noi utilizziamo solo latte della zona, come tra l'altro da direttiva consorziale, ritirandolo noi in prima persona, in diverse aziende che producono latte di bufala.
Si inizia alle 5 di mattina, con l'entrata in ditta e la pastorizzazione del latte attraverso una macchina appunto chiamata pastorizzatore. Da qui viene immesso in tinozzi d'acciaio di circa 5 quintali l'una.



Leggi 0 Commenti... >>
Ultimo aggiornamento Domenica 27 Gennaio 2013 23:55 Leggi tutto...
 

Rasicci

E-mail Stampa PDF

Carissimi,

approfittando di un viaggio a Tortoreto, ieri col mio figlio maggiore ed i miei genitori abbiamo fatto ...  "la zingarata" auspicata da Pelo (grazie alle indicazioni al volo di Luca), andando a trovare la famiglia Rasicci a Controguerra (TE), proprio mentre nell'agriturismo "lu-feschiuole" era in corso una festa a base di arrosticini: cena a bordo piscina!

La loro accoglienza è stata a dir poco calorosa, ci hanno presentato ai loro amici e familiari mentre visitavamo la cantina, la vigna, il deposito delle bottiglie, il museo della civiltà contadina, la chiesa ...

Abbiamo fatto un pò di foto e presto potremo verificare insieme i metodi biologici di lavorazione delle vigne adottati da questa azienda, per produrre il Montepulciano D'Abruzzo D.O.C.G. : ci sono 3 annate disponibili, quella del 2007 a 8 euro è il top, quella del 2008 a 6 euro e quella del 2009 a 5 euro.

Il cerasuolo è ottimo anche quest'anno: lo chiamano rosato per evitare complicazioni burocratiche e lo vendono a 3euro.

Il Trebbiano D'Abruzzo D.O.C.G. = 4euro (un quarti di Passerina ed un quarto di Pecorino)

Mio padre è rimasto colpito dal come mantengono la vite ( è giovane e ben coltivata), che copre 70 ettari della loro tenuta agricola. A settembre potremo approfittare di un viaggio che il Sig.Rasicci farà a Milano nella prima decade del mese, per ordinare dell'altro vino (Rosso, Bianco e Rosato).

I figli hanno evidenziato i prodotti naturali usati per curare la vite, la zona di compostaggio, i macchinari usati per potare senza arrecare danni alle piante, mentre la moglie tailandese di Piero ci seguiva con il loro figlioletto in braccio.

Il panorama è ottimo, fà pensare alle Langhe ma con sfondo del mare a est ed i contrafforti montuosi della Maiella e del Gran Sasso dalla parte opposta.

Merita una gita!


Leggi 2 Commenti... >>
Ultimo aggiornamento Domenica 29 Luglio 2012 09:03
 


Pagina 1 di 3
Banner